Skip to main content

Far west nel Nolano: barista massacrato di botte da 4 energumeni

Di Giugno 26, 2017Luglio 5th, 2017Cronaca, Primo piano

AGGIORNAMENTO ORE 23 E 15. La violenta aggressione andata in scena questa sera sulla via Polvica nella frazione Polvica di Nola potrebbe essere legata a motivi legati alla professione del commerciante. Fatto questo abbastanza inquietante.

Comunque se il 40enne dovesse fare denuncia non dovrebbe essere molto difficile risalire al numero di targa della Volkswagen su cui sono arrivati gli aggressori. Polvica è piena di telecamere.

Gli occhi elettronici sono posizionati sui 4 portali, sarebbero quei grossi cartelli che stanno all’inizio e alla fine della frazione, proprio come quello nella foto sotto: Benvenuti a Polvica.

IL PRIMO LANCIO

NOLA. Bruttissimo episodio in prima serata nel territorio di Polvica, per la precisione Polvica di Nola, frazione che la città bruniana divide a metà con San Felice a Cancello.

Una spedizione punitiva nei confronti di un barista 40enne e di suo cugino, un episodio che ha vissuto momenti drammatici, da far west in piena regola.

Poco dopo le 20 da una Volkswagen grigia sono scese quattro persone, tre più giovani ed una più anziana sulla sessantina.

Hanno chiamato il barista e gli hanno detto di uscire fuori e lo hanno cominciato a picchiare con calci pugni e schiaffi, di mezzo ci è finito anche il cugino che era con lui nel bar.

Le hanno prese di santa ragione dopo che sono stati pure minacciati.

La situazione è cominciata a degenerare tanto che uno dei quattro aggressori è ritornato nell’auto e dal sedile posteriore ha estratto una mazza da baseball per dare il colpo di grazia ai due.

Ad evitare quella che poteva diventare una tragedia è uscita la moglie del barista che si è lanciata contro l’uomo con la mazza da baseball implorandogli di andare via.

Per fortuna è andata proprio così, i quattro dopo l’imprecazione della donna hanno optato per rimettersi in macchina e procedere in direzione di Marigliano.

Pare che il barista sia stato portato in ospedale.

E’ stata davvero un’aggressione terribile sulla quale sarebbe il caso di fare un po’ di luce.