attualità

Coronavirus, si ferma pure la serie A. Ecco le partite rinviate

di  redazione  -  22 Febbraio 2020

 

 

Nazionale. Dopo il Consiglio dei ministri straordinario convocato per i nuovi casi di Coronavirus in Lombardia e Veneto, il Governo ha annunciato la sospensione di tutti gli eventi sportivi di domani nelle due regioni.

 

Di conseguenza in Serie A, domani saranno rinviate Inter-Sampdoria (come confermato dal sindaco di Milano Beppe Sala), Atalanta-Sassuolo e Verona-Cagliari. In serie C, nel girone A Giana-Como, Lecco-Pro Patria, mentre nel girone B Arzignano-Padova e Feralpisalo’-Carpi.

 

La decisione del ministro

Ecco la lettera al Presidente del Coni Giovanni Malago’ con la quale il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora sospende gli eventi sportivi previsti per domani nelle regioni Lombardia e Veneto. “Il Governo si appresta ad emanare misure urgenti per fronteggiare e contenere in modo particolarmente incisivo i casi di contagio da Coronavirus. Tali misure comprendono anche il mondo sportivo per l’esigenza di prevenire rischi e tutelare al meglio la salute di tutti coloro che, a vario titolo, partecipano alle manifestazioni e alle competizioni. In attesa del perfezionamento dei provvedimenti e della piena ed efficace attuazione degli stessi, su conforme avviso del Consiglio dei Ministri, per ragioni di cautela e massima precauzione, Le chiedo di farsi interprete presso tutti i competenti organismi sportivi dell’invito del Governo di sospendere tutte le manifestazioni sportive di ogni grado e disciplina previste nelle Regioni Lombardia e Veneto per la giornata di domenica 23 febbraio 2020”, scrive Spadafora.

 

“Tale invito – aggiunge- non e’ da estendere agli atleti e gruppi di atleti dei quali siano programmate, per la stessa giornata, trasferte fuori dalle predette Regioni, salvo che i medesimi atleti e gruppi di atleti provengano dalle aree geografiche gia’ indicate dalle autorita’ sanitarie quali focolai di contagio. Confido nella massima collaborazione di codesto Comitato nazionale e dell’unita’ di impegno da parte di tutti i soggetti che esercitano responsabilita’ nel sistema sportivo”