Cronaca

“Dovete visitare mio figlio”: sfascia pronto soccorso e aggredisce medici e carabinieri

di  redazione  -  4 Marzo 2020

 

 

IL PRIMO LANCIO

ACERRA/CASALNUOVO. Non voleva aspettare i tempi di attesa e così ha dato di matto rimediando un arresto e il conseguente processo per direttissima al tribunale di Nola. Serata di tensione quella di ieri al pronto soccorso della clinica Villa dei Fiori di Acerra, come tutte le altre strutture sanitarie della nostra penisola in prima linea in questo delicato momento storico.

 

Ieri sera al presidio di corso Italia si è presentato un uomo sulla cinquantina di Casalnuovo insieme al figlio, affetto da disturbi gastrici. L’uomo era preoccupato per le condizioni del figlio ma l’apprensione si è tramutata ben presto in violenza. Ha cominciato infatti a pretendere che il suo bambino venisse visitato immediatamente senza tener conto della successione già prevista.

 

Di fronte alle spiegazioni del personale della clinica, è scattato l’alterco prima verbale poi fisico. L’uomo si è scagliato contro medici e infermieri, danneggiando anche alcune suppellettili del triage. A quel punto sono giunti i carabinieri ma nemmeno la vista delle forze dell’ordine ha placato l’ira dell’uomo che si è scagliato anche contro i militari. A quel punto per lui è scattato l’arresto: questa mattina sarà processato per direttissima al tribunale di Nola.

 

 

LA NOTA DEI CARABINIERI

ACERRA: Al pronto soccorso danneggia una porta a calci e pugni. 59enne arrestato dai Carabinieri

Pretendeva che l’accettazione in ospedale fosse più rapida e che il figlio fosse visitato immediatamente.

I sanitari hanno provato a tranquillizzarlo ma l’uomo –  59enne di Casalnuovo di Napoli già noto alle ffoo – ha reagito danneggiando la porta d’ingresso dell’area Triage con calci e pugni.

Sono così intervenuti i carabinieri della stazione di Acerra che hanno bloccato e arrestato il 59enne.

Sottoposto ai domiciliari, l’uomo è in attesa di giudizio: dovrà rispondere di Danneggiamento aggravato.