Cronaca

Atto intimidatorio contro l’associazione Miniera ai Quartieri Spagnoli

di  Redazione Cronaca  -  10 Aprile 2020

Napoli. Sono davvero numerosissime le iniziative solidali nate su tutto il territorio napoletano e campano per aiutare le persone più in difficoltà in questa emergenza sanitaria da Coronavirus.

 

Anche l’associazione Miniera ai Quartieri Spagnoli ha dato vita ad un‘iniziativa atta a distribuire beni di prima necessità alle persone in difficoltà, ma a quando sembra la sede dell’associazione ha subito un atto intimidatorio, la notte tra il 7 e l’8 aprile, come racconta il presidente di Miniera, nonché Consigliere dei Verdi della Municipalità II, Salvatore Iodice: “In questo periodo così difficile anche noi cerchiamo di dare il nostro piccolo contributo per aiutare le persone in difficoltà dando loro dei beni alimentari attraverso la collaborazione di cittadini ed attività commerciali. Purtroppo qualcuno durante la notte ha tentato di forzare le serrature della serranda della sede di Miniera e credo che questa possa essere stata un’intimidazione dato che, conoscendo bene le dinamiche del quartiere, sappiamo bene chi è in difficoltà e chi invece non lo è ed in base a queste conoscenze abbiamo distribuito i beni, e a qualcuno questa cosa non sarà andata giu. Io ed il vice-presidente Fabio De Rienzo, assieme ad altri, abbiamo creato questa associazione per combattere la criminalità sul territorio e continueremo a farlo e per questo non daremo mai soddisfazione a chi continua ad ‘inquinare’ il nostro quartiere.” “Ai Quartieri Spagnoli c’è qualcuno che non sopporta che ci siano realtà solidali che siano palesemente alternative alla criminalità. In alcuni quartieri popolari, come dice anche il procuratore antimafia Federico Cafiero de Raho, la camorra si è mossa prima dello Stato nella distribuzione della spesa ai bisognosi, vuol guadagnare consensi sul territorio ma bisogna impedirglielo e tutelare e sostenere iniziative come quella di Miniera. Non possiamo lasciar vincere la camorra che sta cercando di intimidire chiunque sia attivo in questo settore e addirittura in alcune zone chiede il pizzo sulla solidarietà. ” – è stata la dichiarazione del Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.