attualità

Napoli, perché credere all’impresa a Barcellona

di  edizionecaserta  -  25 Giugno 2020

Napoli, perché credere all’impresa a Barcellona

Gennaro Gattuso ci crede e non vuole sapere ragioni: anche i suoi giocatori devono essere convinti di potercela fare. Poi, andrà come andrà. Dopo aver trionfato in Coppa Italia battendo la Juventus ai calci di rigore e avendo ripreso con il piglio giusto anche in campionato, con il 2-0 rifilato in trasferta sul campo del Verona, adesso la squadra di De Laurentiis sogna il colpaccio in Champions League.

 

L’impresa sarà veramente ardua, dal momento che il Napoli scenderà in campo al Camp Nou che, però, non avrà alcun spettatore. Potrebbe scapparci anche il risultato che non ti aspetti e, nel corso degli ultimi giorni, sono sempre di più gli appassionati azzurri che stanno affollando i vari siti scommesse alla ricerca della miglior quota su cui puntare. Pareggio con più di due goal oppure una vittoria esterna: entrambi i risultati vorrebbero dire qualificazione certa al turno successivo, mentre in caso di 1-1 al termine dei 90 minuti, si dovrà affrontare la lotteria dei calci di rigore.

Gattuso ha già pronto un piano anti-Barcellona

 

Certo, l’appuntamento non è proprio dietro l’angolo, dal momento che la Champions League si svolgerà durante il mese di agosto. Eppure, il Napoli potrebbe arrivare a quell’appuntamento in uno stato di forma psico-fisica importante, con maggiore convinzione nei propri mezzi e sicuramente con un gruppo che ora è molto più compatto e segue alla lettera i dettami di mister Gattuso.

In campionato l’obiettivo finale è quello del quarto posto, ma sembra difficile visto il passo che sta tenendo l’Atalanta. Ad ogni modo, il Napoli arriverà estremamente carico all’appuntamento del 7 o 8 agosto, anche se i partenopei sono perfettamente consci del fatto che si dovrà fare la più classica delle imprese.

Ebbene, Gattuso, che non è certo uno sprovveduto, ma sta dimostrando a tutti il suo valore come allenatore, sta già preparando un piano tattico con l’intenzione di sbancare il Camp Nou. Si respira ottimismo e grande voglia di fare l’impresa e, ovviamente, il tecnico di origini calabresi non sarà di certo il primo a smorzare l’entusiasmo in tal senso.

Meccanismi perfezionati nel 4-1-4-1

 

 

Così, il piano tattico che sta preparando prevede, prima di tutto, che la squadra perfezioni in questi 40 giorni che mancano all’appuntamento di Champions, tutti i suoi meccanismi di gioco. Il passaggio dal 4-3-3 al 4-1-4-1 rappresenta un’intuizione di spessore, che soprattutto ha portato a dei risultati concreti, blindando a doppia mandata la difesa.

Nel corso di una recentissima conferenza stampa, il tecnico della squadra partenopea, ha già sottolineato come la differenza la farà soprattutto la mentalità dei giocatori. Chi crede che si andrà in Spagna a fare una vacanza si sbaglia di grosso e, al contrario, con questo atteggiamento probabilmente non metterà piede nemmeno sul pullman che porterà gli azzurri verso l’aeroporto.

 

Gattuso, quindi, ha messo in evidenza come indubbiamente ci deve essere la consapevolezza di affrontare una squadra che è più forte del Napoli, ma è sicuro che la squadra arriverà a quell’appuntamento con un ottimo livello sia in termini di condizioni fisiche che sotto il profilo mentale. Insomma, l’obiettivo che il Napoli deve avere ben chiaro in testa è che ci si può giocare il passaggio del turno, con le dovute accortezze di sicuro, ma con la ferma intenzione nel dare tutto prima di, eventualmente, uscire dalla competizione.