Storico pareggio per il Benevento contro la Juve, bianconeri sono Ronaldo-dipendenti ma Pirlo lo lascia a casa

Di Novembre 28, 2020Sport

REGIONALE. Il Benevento ferma al ‘Vigorito’ una Juventus distratta e poco lucida e conquista un pareggio d’oro. Il gol di Letizia sul finale di primo tempo in risposta a quello di Morata blocca la Juventus: è 1-1 tra i calciatori di Inzaghi e quelli di Pirlo, spenti per lunghi tratti della gara alla ricerca dei tre punti ma privi di qualità negli ultimi venti metri, facilitando il lavorio della decisa difesa giallorossa.

 

Cristiano Ronaldo è il grande assente e ancora una volta i bianconeri ne fanno le spese, inanellando il quinto pareggio e scivolando al quinto posto in classifica. Pirlo si affida a Dybala e Morata nel reparto avanzato e all’energia di Chiesa in fascia, con Cuadrado retrocesso sulla linea di difesa. I padroni di casa rispondono con Ionita e Caprari alle spalle di Lapadula e con Improta a centrocampo ma libero di avanzare alla ricerca di spazi sulla trequarti. Il primo brivido del match lo regala Cuadrado con un rischio sul retropassaggio a Szczesny che fa sua la palla sulla linea di porta.

La Juventus cerca i varchi giusti ma il Benevento è organizzato e pronto ad accendersi dalla metà campo in su. Al primo fraseggio decisivo in zona offensiva, la Strega si rende pericolosa con Barba: inserimento dell’esterno giallorosso e palla in corner da parte di Szczesny all’11’. Due minuti più tardi ci prova invece Lapadula, di testa, ma il pallone si spegne sul fondo. La Juventus aumenta di intensità col passare dei minuti e al 21′ trova il vantaggio: gran lancio di Chiesa da una parte all’altra del campo per Morata che salta Ionita e trafigge Montipò con un diagonale sul palo lontano.

Il Benevento accusa il colpo e cinque minuti più tardi trema sul mancino di Dybala: sinistro a lato di poco dopo una bella azione costruita dall’undici di Pirlo. Alla mezz’ora ci prova anche Ramsey, respinto di piede da Montipò, con il Benevento che prima del recupero si affaccia dalle parti della porta bianconera con un cross di Letizia deviato da Frabotta. Nei 3′ di recupero si infiamma il match dei giallorossi: prima Szczesny si supera negando il gol a Schiattarella, poi però il portiere della Juventus non può nulla sul colpo al volo di Letizia che, da azione di corner, pareggia i conti. Ad inaugurare la ripresa è invece Improta: Morata perde palla al 3′ e l’attaccante giallorosso incrocia a lato di poco in avvio di secondo tempo.

La Juventus prova a rincorrere il nuovo vantaggio, ma il colpo di testa di Morata al 7′ si spegne a lato da ottima posizione. Ancora lo spagnolo al 17′ da fuori area, senza riuscire a centrare lo specchio, mentre Pirlo cambia il volto dei bianconeri: fuori Ramsey, Arthur e Chiesa e dentro Bentancur, Bernardeschi e Kulusevski. Anche Inzaghi modifica l’assetto dei suoi, abbassando Improta sulla linea a cinque di difesa, ma l’occasione più ghiotta del secondo tempo capita ancora agli ospiti. Cross di Bernardeschi a 5′ dal novantesimo e mancino di Dybala parato da Montipò in angolo. 6′ di recupero per i bianconeri, a caccia del vantaggio, ma il Benevento chiude ogni varco e strappa il pari al triplice fischio. È 1-1 tra i giallorossi e la Juventus al “Vigorito”: sorride Inzaghi, Pirlo fermato sul pari.