Stop ai vaccini a Pasqua, la furia del sindaco: mentre il Covid continua ad uccidere noi gli regaliamo due giorni di vantaggio

Di Aprile 3, 2021Politica

MARIGLIANO. “Mentre il Covid continua a mietere vittime, noi gli regaliamo due giorni di vantaggio chiudendo per ferie il centro vaccini di Marigliano, dove nei giorni di Pasqua e Pasquetta non saranno somministrati vaccini. É una scelta gravissima. Se fosse per me procederei con le vaccinazioni 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno”.

 

È quanto afferma il sindaco di Marigliano (Napoli), Peppe Jossa, che ospita sul proprio territorio un centro vaccinale riferimento dei sei comuni del distretto 48 dell’Asl Na 3 sud. Iossa ha annunciato di aver scritto al direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud ed al direttore del distretto sanitario, chiedendo di rimediare ad “una scelta contraddittoria rispetto alle misure messe in campo per frenare l’avanzata del virus”. “Ogni persona vaccinata in più è un cittadino protetto nella lotta contro la pandemia ed è per questo – sottolinea Jossa – che trovo irragionevole sospendere le somministrazioni nei giorni festivi. Da un anno sono state giustamente sospese tutte le ricorrenze, tutte le celebrazioni, tutti i riti. Il mondo intero è fermo per spuntarla su una malattia che mette a rischio le nostre vite, il nostro lavoro, la nostra economia. É quindi ingiusto allungare i tempi di uscita da questo tragico e pericoloso tunnel. Se fosse per me procederei con le vaccinazioni 7 giorni su 7 e 24 ore al giorno. Questa sì che sarebbe una lotta senza sosta contro la malattia ed a difesa di ogni cittadino”.