Roghi in provincia: un dato fa ben sperare. Il bilancio

Di Aprile 8, 2021Cronaca

Napoli/ Caserta.   Dati in crescita rispetto al quadrimestre novembre – febbraio,  mentre il dato dell’attuale mese di marzo è similare a quello  di dodici mesi fa, quando si era in pieno lockdown.

E’ il dato che riguarda gli eventi incendiari con particolare riferimento a quelli consumati in località “Ponte Riccio” nel comune di Giugliano in Campania: già negli scorsi mesi di gennaio e febbraio su un totale nelle due province di Napoli e Caserta di 150 roghi di rifiuti (78 in gennaio e 72 in febbraio); 11 (pari all’8% del totale) accanto all’insediamento abitativo irregolare di Ponte Riccio; nel mese di marzo i roghi nelle due province sono stati 117, dei quali 11 (pari al 9% del totale) si sono verificati nella stessa località. Si deve aggiungere che si tratta di incendi di rilevante estensione.

In ogni caso, come si evince dalla tabella sottoriportata, gli interventi di controllo e repressione sono in costante incremento, e a fianco delle tradizionali verifiche sulle aziende (industriali, commerciali o agricole), sono focalizzati sul controllo e la prevenzione degli sversamenti di rifiuti nelle aree attigue agli insediamenti abitativi irregolari, anche mediante l’identificazione delle persone, sia a terra sia dall’aria (droni), e il sequestro dei mezzi che vi portano rifiuti.
Risorse impiegate, attività svolte e risultati conseguiti Marzo 2019 Marzo 2020 Marzo 2021
Roghi di rifiuti in provincia di Napoli 142 84 101
Roghi di rifiuti in provincia di Caserta 45 26 16
Attività produttive controllate 14 8 38
Attività produttive sequestrate 5 4 21
Prelievo di pneumatici abbandonati (in tonnellate) 34,26 16,82 32,23
Veicoli sequestrati: 12 0 10
Persone denunciate 15 7 28
Napoli, 6 aprile 2021
L’Ufficio dell’Incaricato