Cercasi camerieri, nessuno vuole fare lavori stagionali. De Luca: «I risultati paradossali del Reddito di cittadinanza»

Di Maggio 14, 2021Politica

REGIONALE. “L’Italia continua a scivolare in basso e ad arretrare in relazione ai grandi paesi d’Europa”. Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Fb, che chiama in causa la  previsioni della Commissione europea sull’economia italiana che, dice, “devono farci capire quanto sia lungo il
cammino che dobbiamo compiere. e come sia importante utilizzare questi 200 miliardi di euro del piano di sviluppo per intraprendere questo cammino”.

 

“L’Italia nel 2022 sarà l’unico paese d’Europa che non avrà recuperato il livello del pil del 2019 – spiega – secondo le previsioni è l’unico paese che nel 2022 avrà 16 miliardi di euro in meno del pil rispetto al 2019. Il dato ancora più preoccupante è che rispetto alla Germania, venti anni fa, avevamo un un reddito pro capite che era 82,6% rispetto a quello di un tedesco. Dopo 20 anni il reddito di un italiano è del 67,6% rispetto a un cittadino tedesco, cioè abbiamo perduto il 15% di reddito pro capite rispetto ad un tedesco”. Per De Luca “se non riusciamo a produrre ricchezza e incrementiamo il pil noi nel giro di 5-7 anni avremo difficolta a pagare i grandi servizi di civiltà come la scuola, i trasporti, la sanità pubblica”.

Non si trovano più stagionali a causa del Reddito di cittadinanza

Per il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, “non si trovano più camerieri e lavoratori per le attività stagionali, mi hanno detto che per questo alcune attività non riapriranno. Bene, questo è uno dei risultati paradossali dell’introduzione del reddito di cittadinanza”. “Se mi dai 700 euro al mese e vado a fare qualche doppio lavoro non ho interesse ad alzami alle sei e ad andare a lavorare in una industria di trasformazione agricola”, ha detto nel corso della diretta Fb.