Violenza sessuale su pazienti, arrestato medico: le visite dell’allergologo si trasformano in ginecologiche

Di Settembre 14, 2021Cronaca

NAZIONALE. I carabinieri di Monreale, su delega della Procura di Palermo, hanno eseguito un’ordinanza ai domiciliari con braccialetto elettronico, emessa dal gip, nei confronti di un medico 60enne, Lorenzo Barresi, indagato per violenza sessuale aggravata commessa nel corso di almeno 12 visite specialistiche ad altrettante donne.

 

Il medico, specializzato in allergologia, esercitava la propria attività in ambulatori privati a Palermo, Messina e Giarre in provincia di Catania. Le indagini, eseguite fra maggio e luglio 2021, sono iniziate dopo la denuncia presentata da una donna secondo cui il medico approfittando della visita allergologica e con la scusa di ulteriori necessità diagnostiche rispetto alla consulenza medica richiesta, l’avrebbe molestata.

Un’altra paziente ha confermato di essere stata anche lei vittima degli stessi comportamenti. Gli accertamenti dei carabinieri hanno messo in luce altri episodi simili su pazienti giovani, tutte fra i 20 e i 45 anni. Il medico avrebbe sostenuto di doverle sottoporre a controlli di natura ginecologica e senologica, ambiti medici sui quali il professionista affermava di avere competenze specialistiche in realtà mai conseguite.

Vittima denuncia: sono scappata da studio

Le visite nello studio di via Ruggero Settimo a Palermo dell’allergologo Lorenzo Barresi se la paziente era giovane, bella e sola si trasformavano in visite ginecologiche. Lo stesso medico diceva alle donne che lo hanno denunciato per abusi sessuali ai carabinieri di Monreale che era ginecologo e senologo. L’indagine che ha portato agli arresti domiciliari il medico con l’accusa di violenza sessuale parte dalla denuncia di una delle pazienti. La giovane aveva cercato su internet uno specialista perché ultimamente soffriva spesso di allergie.

“In sala d’aspetto – ha raccontato la donna come si legge nell’ordinanza del gip Clelia Maltese – una giovane che attendeva di entrare dal medico accompagnata da un ragazzo mi ha detto “Ma sei sola, ti consiglio di non andare da sola”. Per questo la giovane aveva chiamato il padre che stava cercando di parcheggiare lo scooter. Arrivato nello studio il medico non lo ha fatto entrare chiudendo la porta della stanza della visita a chiave. Ed è qui, come ha raccontato la vittima ai carabinieri, si è ripetuto un copione poi confermato dalle altre vittime.

“Il medico mi ha chiesto di spogliarmi e togliere il reggiseno. Ha preso un batuffolo lo ha imbevuto in una soluzione e lo ha passato attorno al capezzolo. A questo punto mi ha chiesto se avevo anche macchie strane nella vagina e se il mio ciclo fosse regolare – ha raccontato la giovane – Tutte domande e atteggiamenti che mi hanno messo in imbarazzo. E che mi hanno fatto scappare dallo studio tanto da dimenticare il documento di riconoscimento dal segretario”. Dopo le denunce sono iniziate le intercettazioni che avrebbero confermato il racconto della ragazza. Sono altre 12 le vittime secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri di Monreale coordinati dal pm Giorgia Righi.

La durata delle visite dell’allergologo Lorenzo Barresi era di 20, 30 minuti se nello studio c’era un uomo o una donna anziana di un’ora se nella stanza entrava una giovane donna sola. Con le giovani donne sole il medico si attardava e le persuadeva a effettuare controlli al seno, spacciandosi per specialista. Nel corso delle indagini i carabinieri hanno ascoltato una telefonata tra Barresi e il direttore sanitario del centro nel quale il medico visitava. Il dottore, finito oggi agli arresti domiciliari, confidava al direttore di essere stato denunciato nel 2019 da una ragazza. L’allergologo respingeva le accuse: “Ho lavorato nell’interesse di pazienti per salvarli dalla malattia”. Il direttore, che credeva nella buona fede e nelle capacità professionali dell’allergologo, lo metteva in guardia: “Non devi dare la possibilità che fraintendano… oggi la gente è malvagia, ma non si deve spogliare più nessuno.

Riduci le visite a quindici minuti e usa le tre stanze in modo tale da non restare mai da solo con le pazienti”. Il gip ritiene che il comportamento del medico sia da censurare. “Solo nel caso di pazienti donne possibilmente ancora giovani o piacenti in maniera ripetuta, quasi ossessiva – scrive il giudice per le indagini preliminari Clelia Maltese – non si limitava effettuare i controlli richiesti per le verifiche allergologiche ma sottoponeva le pazienti a una visita lunga e più ampia, non richiesta”. Secondo il giudice, “gli atti sessuali venivano artatamente ammantati da finalità diagnostiche del tutto ultronee rispetto alla visita alla consulenza espressamente richiesta all’indagato, accompagnata dall’ostentazione di conoscenza e specializzazioni mai ottenute dal sanitario”. “Io ho un mare di compiti, sono allergologo, immunologo – diceva il medico intercettato nello studio – mi occupo di prevenire le patologie degenerative degli anziani, poi sono senologo come le ho detto e quindi mi occupo molto di prevenzione quindi ha capito la vastità di gamma di cose di cui mi occupo?”. E la paziente rispondeva: “Bravo”.