Rapina choc alla Locanda del Gigante, pistole puntate contro fondatore

 

ACERRA. Una città intera si sta mobilitando mentre gli investigatori stanno dando la caccia ai due banditi che ieri mattina hanno fatto irruzione nell’ufficio di Carlo Petrella, un’istituzione ad acerra. Il fondatore della Locanda del Gigante era al suo posto come tutte le mattine da ormai 30 anni, mandando avanti quel sogno di recupero della terra e dei ragazzi reduci dal tunnel della tossicodipendenza.

Due banditi con volto travisato da mascherina hanno fatto irruzione minacciando Petrella con le pistole: uno ha preso i soldi, mentre l’altro lo minacciava intimandogli di non muoversi. Preso il bottino i due sono scappati facendo perdere le proprie tracce nelle campagne di Calabricito, dove ha sede la comunità di recupero.

Sull’episodio indagano i carabinieri della stazione di Acerra che hanno provveduto ad acquisire la testimonianza della vittima. Petrella era solo al momento del raid e quando i ragazzi ospiti della struttura sono corsi in suo aiuto richiamati dalle urla i delinquenti erano già scappati.