Skip to main content

Infermieri aggrediti in due ospedali, è emergenza

Di Agosto 5, 2022Cronaca

NAPOLI. Due aggressioni al personale sanitario – una avvenuta al Moscati di Avellino, l’altra al San Paolo di Napoli – sono state denunciate dall’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”, unico osservatorio che raccoglie segnalazioni di tal genere.

Al Moscati di Avellino ad avere la peggio è stato un infermiere in servizio al triage del Pronto soccorso, e a rendere nota la vicenda sulla pagina facebook dell’associazione è stato un collega della vittima. “Nel turno pomeridiano del 3 agosto si presenta al Triage un ragazzo accompagnato dal fratello, quest’ultimo in apparente stato d’agitazione. Gli infermieri iniziano a valutare il paziente e invitano il fratello ad uscire e a recarsi in sala d’attesa. Quest’ultimo, invece di lasciare il Triage, aggredisce verbalmente e fisicamente l’infermiere spintonandolo e tentando di schiaffeggiarlo. Vengono subito allertate le forze dell’ordine. Dopo 10 minuti sia il paziente che il fratello si allontanano dal Pronto Soccorso. Le forze dell’ordine al loro arrivo hanno stilato un verbale di quanto accaduto”.

Altro episodio all’ospedale San Paolo di Napoli, dove “un paziente – racconta il post dell’associazione – ricoverato per ‘stato di ebrezza alcolica’ ha incominciato ad aggredire tutto il personale sanitario e anche un paziente disteso su una barella. Storie di ordinaria follia al nosocomio flegreo”. Numeri precisi sulle aggressioni negli ospedali campani non ve ne sono, “perché purtroppo – spiega Manuel Ruggiero, presidente dell’associazione nonché medico del 118 in servizio a Pozzuoli – noi ci basiamo sulle segnalazioni che ci arrivano dal territorio, e non tutti denunciano”. Solo nella città di Napoli si contano da inizio anno 39 aggressioni al personale sanitario, dal resto della regione sono arrivate una ventina di altre segnalazioni, ma la sensazione è che ne accadano molte di più.